20 Nov - 2020

Articolo 190 (Registri di carico e scarico)  come viene modificato dall’articolo 1, comma 18, del D.Lgs 3 settembre 2020, n. 116


Viene riformulato con alcune modifiche l’art. 190 Registro di carico e scarico

In estrema sintesi

Il comma 1 riporta in maniera estesa, l’elenco dei soggetti obbligati alla tenuta del registro di carico e scarico. Tali soggetti erano finora indicati con un richiamo all’articolo 189, comma 3. L’operazione di  scrittura  estesa  dei  soggetti  obbligati  è  adottata  in  quanto  ritenuta  funzionale  a  garantire  la completa chiarezza del testo che, con il mero richiamo all’articolo 189, comma 3, in passato ha creato alcuni dubbi interpretativi sulla platea dei soggetti tenuti all’adempimento e dei soggetti esonerati

Il comma 2 prevede la delega per la definizione del modello mediante il decreto previsto all’articolo 188-bis, comma 1, facendo salvi, nelle more dell’adozione del citato decreto, i modelli attualmente in uso;

Il comma 3 conferma le tempistiche per le annotazioni precisando comunque che:

  • per i soggetti che effettuano attività di raccolta e trasporto l’annotazione va effettuata almeno entro dieci giorni lavorativi dalla data di consegna dei rifiuti all’impianto di destino; la precedente formulazione  -  che  era  riferita  alla  data  di  trasporto 
  • non  era  chiara  circa  il  momento  di decorrenza  dell’obbligo  di  annotazione,  tra  la  data  di  avvio  del  trasporto  o  la  data  di  arrivo all’impianto; 
  • per i commercianti, intermediari e consorzi, l’annotazione va effettuata almeno entro dieci giorni lavorativi dalla data di consegna dei rifiuti all’impianto di destino.

Il comma 5 riproduce fedelmente l’esonero per gli imprenditori agricoli e per le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi.

Il comma 6 riformula in maniera più chiara la disposizione del collegato ambientale (legge 221 del 28 dicembre 2015) che all’articolo 69, ha disciplinato disposizioni in materia di gestione di rifiuti speciali per alcune  attività  economiche  (parrucchieri,  tatuatori,  estetiste,  imprenditori  agricoli). Per  analogia  nel comma è stata aggiunta la categoria manicure e pedicure.

Il comma 7, per quanto riguarda la possibilità di tenuta dei registri di carico e scarico da parte delle organizzazioni di categoria, estende l’applicazione della previsione (prima riferita a dieci tonnellate di rifiuti non pericolosi ed a due tonnellate di rifiuti pericolosi), in venti tonnellate di rifiuti non pericolosi e quattro tonnellate di rifiuti pericolosi. 

Con il comma 10 viene modificata la tempistica per la durata di conservazione dei registri da cinque a tre anni.

Il comma 11 riporta il contenuto dell’articolo 230 (rifiuti derivanti da attività di manutenzione delle infrastrutture) comma 4, qui spostato per ragioni di appartenenza di materia.


Per conoscere le atre modifiche del D.Lgs 3 settembre 2020, n. 116 in materia di rifiuti e imballaggi consulta anche:

Nuovo decreto rifiuti D. Lgs. 116/20. Importanti cambiamenti nella gestione dei rifiuti dal 26 Settembre 2020

SCARICA IL PDF DEL D.LGS. 116/20


Leggi anche

La classificazione dei rifiuti speciali




Richiedi una consulenza agli esperti di NovaSafe e scopri come gestire efficacemnte i rifiuti speciali nella tua azienda

Perché rivolgersi a NovaSafe

Caratterizzazione dei rifiuti prodotti e analisi da parti di laboratori accreditati

Tenuta e aggiornamento del registro di carico/scarico rifiuti in base alle tempistiche di legge

Sopralluoghi per la verifica degli aspetti tecnico-operativi e gestione del deposito temporaneo

Raccolta dati e presentazione del MUD - Modello Unico di Dichiarazione Ambientale 

Gestione riduzione TARI

Formazione aziendale finalizzata alla gestione amministrativa e tecnico-operativa dei rifiuti speciali

Assistenza e supporto nell’implementazione di un sistema di gestione rifiuti speciali in azienda

Vendita di big-bag omologati e non omologati