In questa News parliamo di Ambiente

Con il decreto semplificazioni è stato chiarito che il produttore dei rifiuti derivanti da pulizia manutentiva delle fosse settiche e dei bagni mobili è lo “spurghista” (codice CER 200304, non solo 200306).

Viene infatti modificato il comma 5 dell’articolo 230 del codice ambientale che dispone:

I rifiuti provenienti dalle attività di pulizia manutentiva delle reti fognarie di qualsiasi tipologia, sia pubbliche che asservite ad edifici privati, compresi le fosse settiche e manufatti analoghi nonché i sistemi individuali di cui all’articolo 100, comma 3, e i bagni mobili, si considerano prodotti dal soggetto che svolge l’attività di pulizia manutentiva. La raccolta e il trasporto sono accompagnati da un unico documento di trasporto per automezzo e percorso di raccolta, il cui modello è adottato con deliberazione dell’Albo nazionale gestori ambientali entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione.

Tali rifiuti possono essere conferiti direttamente a impianti di smaltimento o di recupero o, in alternativa, essere raggruppati temporaneamente presso la sede o unità locale del soggetto che svolge l’attività di pulizia manutentiva, nel rispetto delle condizioni di cui all’articolo 183, comma 1, lettera bb). Il soggetto che svolge l’attività di pulizia manutentiva è comunque tenuto all’iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali, ai sensi dell’articolo 212, comma 5, del presente decreto, per lo svolgimento delle attività di raccolta e di trasporto di rifiuti, e all’iscrizione all’Albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi di cui all’articolo 1 della legge 6 giugno 1974, n. 298.

Fino all’emanazione da parte dell’Albo del nuovo e unico documento di trasporto (dovrebbe arrivare a fine mese), si continua ad utilizzare il formulario di identificazione rifiuti di cui all’articolo 193 del D. Lgs. 152/06 e smi.